Milano al tempo di Napoleone

Con l'ingresso di Napoleone in città, nel 1796, Milano si appresta a divenire una grande capitale, prima della Repubblica Cisalpina e poi del Regno d'Italia. La città dell'antico regime viene stravolta in nome della magnificenza napoleonica. Dall'Arco della Pace di Cagnola, fino a Villa Belgiojoso-Bonaparte, ripercorreremo gli interventi architettonici e urbanistici che fecero di Milano una grande città europea, specchio del potere di Napoleone.

Milano al tempo di Napoleone

1. Arco della Pace. Parigi-Milano, andata e ritorno

   Piazza Sempione

 

Capolavoro architettonico di Luigi Cagnola, in stile neoclassico, progettato nel 1807 per celebrare l’ingresso di Napoleone in città, è l’unico esempio di arco trionfale milanese. Viene concluso dagli austriaci negli anni Trenta dell’Ottocento.

 

2. Arena Civica. Un viaggio nell’architettura neoclassica milanese, tra spettacoli e cultura

   Viale Byron 2

 

Costruita tra il 1805 e il 1807 su progetto dell’architetto Luigi Canonica, in stile neoclassico, l’arena veniva utilizzato per gare e celebrazioni e, se riempita d’acqua, anche per avvincenti battaglie navali, che tanto piacevano ai milanesi. 

 

3. Castello sforzesco. Una caserma in centro a Milano

   Castello Sforzesco. Piazza d’Armi   

 

    Quella che era, ai tempi di Francesco Sforza e Ludovico il Moro, una delle corti più eleganti d’Italia, frequentata da artisti ed intellettuali, alla fine del Settecento è diventata una caserma attivissima: generali, comandanti e soldati semplici alloggiano nelle sale ducali e si esercitano ogni giorno nel verdeggiante parco retrostante.

 

4. Il progetto del grande Foro

   Via Beltrami angolo Foro Bonaparte

 

    Nel 1800 Napoleone ordina la demolizione dei Bastioni che circondavano il Castello Sforzesco. Al suo posto, sulla carta,  doveva sorgere il Foro Bonaparte, una monumentale corona di edifici che doveva far da corona al castello. Non se ne fece nulla. Vuoi per questioni di tempo, vuoi per i costi di realizzazione davvero eccessivi. L'idea venne ripresa alla fine del XIX secolo, con la creazione dell'emiciclo che noi tutti conosciamo.

 

. 5. Il cantiere del Duomo: verso la conclusione?

    Piazza Duomo

 

Il 26 maggio 1805 in Duomo Napoleone viene proclamato il re d’Italia: è lo stesso Napoleone a porsi sul capo la Corona ferrea, grande capolavoro di oreficeria antica, che già la notte di Natale dell’800 aveva incoronato Carlo Magno. Al vedere la maggiore chiesa della città ancora in pieno cantiere, Napoleone commissiona all’architetto Giuseppe Zanoia di avviare i lavori di completamento della facciata. 

 

6. Brera. Saloni Napoleonici. Da convento degli Umiliati a museo dell’imperatore

   Via Brera 28

 

Nato come convento dell’ordine degli Umiliati, poi dei Gesuiti, diventa con Maria Teresa d’Austria sede dei più avanzati istituti culturali di Milano. Sarà però Napoleone a trasformarlo in uno dei più importanti musei della città, un piccolo Louvre che l’imperatore inaugurerà il giorno del suo quarantesimo compleanno, il 15 agosto 1809. 

 

7. Brera. Cortile d’onore. Un Napoleone idealizzato

    Via Brera 28

 

Domina l’elegante cortile neoclassico, opera del Richini, il bronzo “Napoleone I in veste di Marte Pacificatore”: commissionata a Canova nel 1807 da Eugenio de Beauharnais, figliastro di Napoleone. La statua viene collocata al centro del cortile nel 1859, in occasione dell’ingresso di Napoleone III e Vittorio Emanuele II. 

 

 

Città nascosta Milano dal 2010 valorizza e divulga il patrimonio culturale di Milano. Fin dall’inizio abbiamo messo a disposizione di tutti il frutto delle nostre ricerche. Grazie all’esperienza maturata ci siamo conquistati la fiducia della Lonely Planet® che ci ha scelti per la sua guida di viaggio. Oltre 80 tour, itinerari, eventi, mostre e luoghi simbolo della città ti aspettano: scopri con noi una Milano mai vista!

All Articles
22 December 2016 Finalmente è Natale...Beato chi resta a Milano!

Tantissimi eventi in programma per allietare le vacanze e scoprire come è #BellaMilano!

 
Il pane della comunità 14 December 2016 Il pane della comunità

La ricetta è quella rigorosa del disciplinare della Camera di Commercio di Milano: materie prima selezionate, tempi di lievitazione lentissimi, tanta passione e pazienza. Un insolito punto di vista sul panettone milanese espresso da un panificatore artigianale, che definisce il dolce tipico del Natale come “pane ricco”.

10 December 2016 Brividi a Milano con Noir in Festival!

Approda a Milano Noir in Festival, l'appuntamento con il cinema noir che da venticinque anni tingeva di giallo le bianche valli di Courmayeur.

Diretto da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri, il Festival sarà nelle sale milanesi dall'11 al 14 dicembre, dopo una prima tappa a Como.

7 December 2016 Donatella Brunazzi - Museo Teatrale alla Scala

A Parigi, nel  1911 i più importanti esponenti del mondo della cultura artistica e musicale milanese si unirono, sostenuti dal Governo e dal re Vittorio Emanuele III, con lo scopo di aggiudicarsi all'asta un lotto di cimeli musicali e teatrali di straordinario valore messi all'asta dall'antiquario Sambon. Tra loro vi erano figure illustri: il duca Uberto Visconti di Modrone Presidente del Teatro alla Scala, Giacomo Puccini, Umberto Giordano, Arrigo Boito, Ettore Modigliani, il tenore Enrico Caruso, gli editori Ricordi e Sonzogno. Grazie al loro impegno  e a questa prima acquisizione venne istituito il Museo Teatrale alla Scala, inaugurato nel  1913.

Dal 1 gennaio 2016 Donatella è la Direttrice del Museo Teatrale, le radici della sua vita professionale sono profondamente legate a due ambiti dell'eccellenza culturale milanese, apparentemente distinti ma in realtà molto vicini tra loro: la moda e il teatro.

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano.
Tutti i diritti riservati.