Milano Film Festival: il cinema conquista la città

#MilanoaPlaceToBE si trasforma in una grande sala cinematografica pronta a ospitare registi, anteprime e tanta musica!

Milano Film Festival: il cinema conquista la città

Milano Film Festival, giunto alla ventesima (+1) edizione, torna sugli schermi milanesi dall’8 al 18 settembre.

Tra le novità di quest’anno il trasferimento nel distretto Tortona. In particolare gli spazi di BASE Milano costituiranno il centro nevralgico e la piazza del Milano Film Festival.  Il MUDEC, museo delle culture, ospiterà le proiezioni internazionali. Altre location del festival saranno MI MAT , Archiproducts Milano (dove avranno sede l’ufficio ospitalità e la redazione), e lo storico rifugio per cinefili Spazio Oberdan.

Lo spazio fra MUDEC e BASE Milano con Milano Film Festival si trasformerà  in Largo del Cinema, spazio all’aperto dove si potrà assistere a proiezioni sotto le stelle.

 

Cavallo di battaglia del Festival è come sempre il concorso lungometraggi , selezione accurata e di respiro internazionale di lavori dei migliori registi esordienti in anteprima italiana. Apre la canadese Zaynê Akyol con Gulîstan: Terre de roses, il racconto in prima persona di un gruppo di guerrigliere del PKK che vivono sulle montagne e nei deserti del Kurdistan, donne rivoluzionarie che combattono per la libertà del proprio paese rinunciando a tutto, presentato a Visions du Réel, Festival Internazionale del Cinema Documentario di Nyon. (Giovedì 8 MUDEC ore 21.00; Venerdì 9 Spazio Oberdan ore 17.00)

 

Grande attesa anche per la sezione Colpe di stato, rassegna di documentari, incontri e dibattiti che si muove quest’anno su due sponde tematiche, quella dei titoli presentati in collaborazione con Docucity -che esplorano le trasformazioni dello spazio urbano - e quella del confine, in tutte le sue accezioni: geografica, sociale, culturale e religiosa.

Al primo filone appartiene City Of Dreams: A Musical di Brian Hill e Sam Benstead, musical in stile Bollywood che racconta gli slums indiani di Dharavi dal punto di vista dei bambini che li vivono giorno dopo giorno. Non mancano le danze e la musica tipicamente bollywoodiane in cui emergono l’ottimismo e la vitalità dei giovani, dipingendo un inedito ritratto dell’India. (Domenica 11 MUDEC ore 21.00; Martedì 13 MIMAT ore 17.00)

Il tema del confine è affrontato invece da Madame B., histoire d'une Nord-Coréenne di Jero Yun, storia di Mrs. B che, espatriando illegalmente dalla Corea del Nord e venduta dai suoi contrabbandieri a un contadino cinese, diventa contrabbandiera anch’essa e inizia una battaglia per riunirsi con i suoi figli. (Venerdì 9 MUDEC ore 18.30)

 

Milano Film Festival ci propone inoltre un focus su Albert Serra, regista e sceneggiatore catalano che, misteriosamente non distribuito in Italia, ha collezionato diversi riconoscimenti nei più importanti concorsi cinematografici europei. In collaborazione con la rivista di critica cinematografica Filmidee.it,  sarà possibile gustarsi l’anteprima italiana di La mort de Luis XIV (2016), presentato al Festival di Cannes, che racconta gli ultimi giorni di vita del morente Re Sole interpretato dall’attore culto della Nouvelle Vague Jean-Pierre Léaud. (Giovedì 15 Spazio Oberdan ore 21.00)

 

Quest’anno il festival pone particolare attenzione alle nuove direzioni del cinema e lo fa anche con Under Screen – nuove traiettorie del cinema, rassegna di incontri e proiezioni ideata per tracciare nell’audiovisivo quel “dopo” proposto anche dalla XXI Triennale (in chiusura il 12 settembre) con Design After Design.

Emblematico per questa rassegna Solar di Manuel Abramovich, lavoro che vede dietro la macchina da presa Flavio Capobianco, ex bimbo prodigio che nel 1991, all’età di 10 anni, pubblicò insieme al fratello il libro New Age Vengo dal Sole, suscitando grande clamore. (Domenica 11 Spazio Oberdan ore 21.00; Mercoledì 14 MIMAT ore 17.00)

 

Milano Film Festival non è solo cinema: negli undici giorni della rassegna le proiezioni saranno accompagnate da una sezione dedicata alla musica, Audiovisiva. Nata nel 2003 proprio all'interno del festival, la rassegna vedrà alternarsi musica live e dj set, visual act, showcase di etichette, workshop per adulti e bambini, musicazioni di film e after show in un programma crossmediale all’insegna della sperimentazione.

Molto attesa la performance live di Christophe Chassol, pianista e compositore tra i più apprezzati nell’ambito del jazz contemporaneo e dell’elettronica.

La musica di oltre 40 artisti animerà gli spazi di BASE Milano dal pomeriggio alla tarda sera.

 

E per i lettori di ExpoinCittà una promozione speciale: la CARD MFF a soli 10 euro, anzichè 20!

La card dà diritto a:

- acquistare i biglietti scontati del 50%

- accedere esclusivamente e gratuitamente alle proiezioni pomeridiane al MUDEC

- accedere esclusivamente e gratuitamente a DEBUT, le giornate professionali

- avere sconti sugli spettacoli di Audiovisiva a pagamento (le serate del 10, 15, 16 settembre)

- un ingresso ridotto (10 euro anzichè 18) agli aftershow di Audiovisiva al Dude Club

Per ottenere la CARD MFF scontata scrivete a media@milanofilmfestival.it indicando come oggetto - PROMO EXPOINCITTA -. Le card si possono ritirare presso l'infopoint all'interno di BASE Milano, dal 6 al 18 settembre dalle ore 14.00 alle ore 23.00.

 

E allora… riflettori puntati su questi 10 giorni di eventi e grande cinema a #MilanoaPlaceToBE!

All Articles
22 December 2016 Finalmente è Natale...Beato chi resta a Milano!

Tantissimi eventi in programma per allietare le vacanze e scoprire come è #BellaMilano!

 
Il pane della comunità 14 December 2016 Il pane della comunità

La ricetta è quella rigorosa del disciplinare della Camera di Commercio di Milano: materie prima selezionate, tempi di lievitazione lentissimi, tanta passione e pazienza. Un insolito punto di vista sul panettone milanese espresso da un panificatore artigianale, che definisce il dolce tipico del Natale come “pane ricco”.

10 December 2016 Brividi a Milano con Noir in Festival!

Approda a Milano Noir in Festival, l'appuntamento con il cinema noir che da venticinque anni tingeva di giallo le bianche valli di Courmayeur.

Diretto da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri, il Festival sarà nelle sale milanesi dall'11 al 14 dicembre, dopo una prima tappa a Como.

7 December 2016 Donatella Brunazzi - Museo Teatrale alla Scala

A Parigi, nel  1911 i più importanti esponenti del mondo della cultura artistica e musicale milanese si unirono, sostenuti dal Governo e dal re Vittorio Emanuele III, con lo scopo di aggiudicarsi all'asta un lotto di cimeli musicali e teatrali di straordinario valore messi all'asta dall'antiquario Sambon. Tra loro vi erano figure illustri: il duca Uberto Visconti di Modrone Presidente del Teatro alla Scala, Giacomo Puccini, Umberto Giordano, Arrigo Boito, Ettore Modigliani, il tenore Enrico Caruso, gli editori Ricordi e Sonzogno. Grazie al loro impegno  e a questa prima acquisizione venne istituito il Museo Teatrale alla Scala, inaugurato nel  1913.

Dal 1 gennaio 2016 Donatella è la Direttrice del Museo Teatrale, le radici della sua vita professionale sono profondamente legate a due ambiti dell'eccellenza culturale milanese, apparentemente distinti ma in realtà molto vicini tra loro: la moda e il teatro.

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano.
Tutti i diritti riservati.